Impianti Rotoconcentrativi



Il rotoconcentratore è un impianto di adsorbimento a temperatura variabile per l’eliminazione continua dei composto organici volatili (VOC) da un flusso d’aria a bassa concentrazione mediante adsorbimento dei VOC con materiale adsoberte in zeolite idrorepellente e successivo rilascio dei VOC stessi in un ridotto flusso d’aria riscaldato per un successivo trattamento. Il materiale adsorbente in zeolite è impregnato in un substrato in fibra minerale formato all’interno del rotore. Il rotore, installaato su un albero e cuscinetti, ruota lentamente nel flusso d’aria. Durante la rotazione, il rotore viene a contatto con gruppi ermetici che hanno funzione di adsorbimento, desorbimento e raffreddamento. L’aria in entrata raggiung il sistema tramite le tubazioni predispote. L’aria a una bassa concentrazione di VOC entra nella camera d’entrata e attraversa un filtro che rimuove le polveri e le particelle in eccesso. Dalla camera d’entrata, l’aria passa attraverso il rotore dove vengono assorbiti i VOC, quindi l’aria depurata arriva nella camera d’uscita. Dalla camera d’uscita l’aria viene rilasciata nell’atmosfera tramite le tubazioni predisposte.  I VOC  sono rimossi dal rotore facendo passare un ridotto flusso d’aria calda attraverso il rotore nella direzione opposta all’aria che deve essere trattata. Il rotoreraffredda questo flusso d’aria una volta desorbiti i VOC e li rilascia sottoforma di concentrato alla temperatura di circa 50-60°C. L’ulteriore trattamento a cui viene sottoposto il concentrato è un processo di incenerimento.  Lasciato il rotore e in uscita dal gruppo di raffreddamento, l’aria di processo viene riscaldata dal rotore e puo’ essere utilizzata come aria di desorbimento dopo ulteriore riscaldamento. La temperatura di questa “aria di raffreddamento” è di circa 75-110°C. Se si utilizza tale aria pre-riscaldata, il consumo energetico generale del sistema può essere ridotto.

schema-rotoconcentratori


Unitamente alla fluidità di inversione dei flussi attraverso le camere (senza sbalzi di pressione), ciò consente la massima sicurezza di esercizio in qualsiasi condizione e non richiede manutenzione. Esse adottano inoltre un esclusivo dispositivo di separazione, a camera pressurizzata, tra il flusso da depurare entrante l’impianto e quello depurato uscente. Tale dispositivo garantisce l’assenza di trafilamenti tra i due flussi.

schema

Copyright © 2011 • P.F.I. impianti • Tutti i diritti riservati